Con questo articolo, il mitico Humboldt ci offre una vera e propria enciclopedia sulle foglie di mandorlo indiano o Terminalia catappa. Buona lettura!


Le foglie essiccate del mandorlo indiano, o Ketapang Terminalia catappa, sono molto utilizzate in acquariofilia per acidificare e ambrare l’acqua. Esse, tuttavia, possono anche stimolare la riproduzione di alcune specie di pesci, rafforzare e proteggere le mucose, prevenire la formazione di muffe sulle uova e fornire nutrimento a Caridina, Loricaridi e avannotti.

Indian almond (Terminalia catappa L.)
Indian almond (Terminalia catappa L.), licenza Creative Commons (clicca per ingrandire)

Il portale di Acquariofilia Facile propone diversi articoli sull’utilizzo delle foglie di catappa essiccate, soprattutto come acidificante naturale ma non solo. Le foglie di catappa sono un vero e proprio toccasana naturale per i nostri amati pesci e crostacei e, indirettamente, per la psiche di noi acquariofili.

In questo articolo voglio approfondire l’utilizzo delle foglie di catappa essiccate come rimedio a diverse malattie dei pesci, soffermandomi in particolare sui dosaggi e sui principi attivi. Su tutte quelle sostanze, cioè, che possiedono una certa attività biologica e che sono dotate di effetto terapeutico (farmaci), benefico (vitamine, probiotici) o tossico (veleni), e che vengono rilasciate in acqua dalle foglie.