banner

Modificare il sistema filtrante

La pompa

Come abbiamo visto, anche il nuovo sistema di filtraggio non è esente da difetti.

Innanzitutto le spugne si intasano facilmente.
Quando accade, l’acqua torna in vasca senza filtrazione né meccanica, né biologica.

Per risolvere questo inconveniente abbiamo aggiunto un prefiltro in fondo alla colonna d’aspirazione. Giovacquapazza l’ha realizzato con una spugna e un elastico.

Prefiltro di Giovacquapazza
Prefiltro di Giovacquapazza

Eccolo in funzione:

Il prefiltro in funzione
Il prefiltro in funzione

Dopo 15 giorni di funzionamento era ridotto così:

Prefiltro dopo 15 giorni di funzionamento
Prefiltro dopo 15 giorni di funzionamento

Le spugne, invece, erano pulite:

Spugne del filtro dopo 15 giorni dall'aggiunta del prefiltro
Spugne del filtro dopo 15 giorni dall’aggiunta del prefiltro

La pulizia del prefiltro è semplicissima.
Basta sfilare il tubo di aspirazione dalla pompa aprendo il coperchio principale. In pochi minuti si può sostituire o sciacquare la spugna e si rimontare il tutto.

Prefiltro smontato per la pulizia
Prefiltro smontato per la pulizia

Come abbiamo visto, la nuova pompa ha anche un secondo difetto: visto che la girante è appena sotto il livello dell’acqua, se ci dimentichiamo di effettuare i rabbocchi non pesca più e rischia di bruciarsi. In ogni caso dovremmo accorgerci in tempo a causa del rumore.

Questo difetto potrebbe essere risolto abbassando il corpo-pompa con una prolunga inserita nel punto indicato nella foto.

Abbassamento del corpo-pompa
Abbassamento del corpo-pompa

Purtroppo però il corpo-pompa non si può sfilare e per applicare questa modifica bisognerebbe tagliare e usare un giunto.

La cascatella

Ci siamo ingegnati per trovare una soluzione che riduca le turbolenze create dalla cascatella.

CIR, ad esempio, ha fissato al coperchio una paratia realizzata con del plexiglas.

Paratia fai-da-te davanti per ridurre le turbolenze della cascatella
Paratia fai-da-te inserita da CIR davanti per ridurre le turbolenze della cascatella

La paratia affonda nell’acqua e, frenando il flusso, riduce la dispersione di anidride carbonica.

La paratia affonda in acqua riducendo le turbolenze
La paratia affonda in acqua riducendo le turbolenze

KillerStar ha invece utilizzato un lucido trasparente, più sottile e semplice da lavorare.

Paratia realizzata con un lucido trasparente
Paratia realizzata da KillerStar con un lucido trasparente

Fissandolo con semplice biadesivo, ha evitato di forare il coperchio dell’acquario

Paratia fissata con del biadesivo
Paratia di KillerStar fissata con del biadesivo

Con questo semplice accorgimento eviteremo la dispersione di anidride carbonica, che sarà totalmente a disposizione delle piante.

banner