Come distinguere un Endler (Poecilia wingei) da un Guppy (Poecilia reticulata)? Come capire se un Endler è «puro» oppure no? E siamo sicuri che quest’ultima domanda abbia senso?


Gentili telespettatori, ecco una domanda da un milione di dollari!

Come capire se l’Endler visto in negozio è puro oppure no?

Indossate le cuffie, avete 30 secondi per rispondere…

29, 28, 27…

Lascia o raddoppia
Lascia o raddoppia

Scherzi a parte…

Perchè dedicare un articolo alla differenziazione tra Endler (Poecilia wingei) e Guppy (Poecilia reticulata)?

Semplice: perchè queste due specie si accoppiano tra di loro dando origine a ibridi fertili che possono essere spacciati per puri.

Essendo il Poecilia wingei piuttosto raro, sia nel suo habitat che nel mercato acquariofilo mondiale, sarebbe un peccato «perderlo» ibridandolo con il suo cugino prossimo, il Guppy.
Oltre a questo, sono pochi gli allevatori che selezionano «Endler puri», dedicando loro vasche monospecifiche in modo da ridurre quanto più possibile l’incontro con altri ceppi o fenotipi che possano alterare sia la genetica che la colorazione del pesce. 

Anche se qualche privato si dedica all’allevamento di «Endler puri», nei negozi di acquariofilia questi pesci sono una vera rarità; tanto è vero che possono costare fino a 30, 40 o 50 euro la coppia!