Eurogae ha deciso di modificare il suo mobiletto di supporto per l’acquario. Non ne avete bisogno? Beh, questo articolo è un tale capolavoro che, fossi in voi, un’occhiata la darei lo stesso… 


Ciao a tutti!

Vorrei condividere con voi una mia esperienza: la modifica del mobile che farà da supporto al nuovo acquario.

Il mobile in questione, ciò che resta della mia vecchia esperienza di acquariofilo, è di marca Elos, così come l’acquario originario.
Sia il mobile che l’acquario avevano una base di 120×50 cm.

Il mio attuale acquario è più piccolo; ha un piano di 100×41 cm.
Devo quindi dotare il mobile di un top in melaminico da 120x50x 2 cm; inoltre ho deciso di ascoltare dei buoni consigli e di aggiungere due traverse verticali, in modo di eliminare eventuali flessioni.

Ecco lo stato del mobile prima della modifica.

Mobile originale ELOS

Con l’ausilio del CAD ho cominciato ad elaborare e definire il mio progetto.

CAD Modifica mobile acquario

Markaf kad1

Markaf kad2

 

Materiale occorrente

  • Pannello melaminico color ciliegio 800x1380x25 mm (28 € da Leroy Merlin);
  • listello abete 20x20x2000 mm (2,49 € da Leroy Merlin);
  • vite testa svasata brunita 4,2×30;
  • vite testa svasata brunita 4,2×40;
  • vite testa svasata brunita 4,2×60;
  • spine in legno 8×15;
  • colla alifatica o vinavil.

Dopo essermi fatto tagliare tutti i pannelli necessari come da disegno, mi sono armato di righe, squadre, metro, ecc. per segnare tutte le scantonature, da realizzare con il seghetto alternativo e la carta vetrata (per la finitura).

Piano mobile acquario

Dopo serate di duro lavoro passate in cantina, è giunto poi il momento dell’assemblaggio in casa.

Vista dall'alto mobile acquario

L’ultimo elemento è stato il top in melanimico.

Mobile acquario quasi finito

Ed ecco il risultato finale.

Mobile acquario risultato finaleChe ne dite… faccio bene ad essere soddisfatto del lavoro svolto?

Per qualsiasi dubbio la sezione Bricolage del nostro forum Acquariofilia Facile vi aspetta.