In casa Juwel la serie Primo ha recentemente sostituito la serie Rekord come entry level. Con questa scheda vi raccontiamo pregi e difetti di questo acquario.


Le principali modifiche della nuova serie rispetto alla precedente sono:

  • il passaggio dai tubi fluorescenti T8 ai LED;
  • il passaggio (per i modelli 60 e 70) dal fitro BioFlow Super al BioFlow One.
Juwel Primo LED 70 bianco
Juwel Primo 70 bianco

La serie Primo è prodotta in tre litraggi:

  • 60 litri: dimensioni 61x31xh37 centimetri; filtro Bioflow One 300l/h – 50 W; illuminazione 1×8 W LED bianchi da 60 cm.
  • 70 litri: dimensioni 61x31xh44 centimetri; filtro Bioflow One 300l/h – 50 W; illuminazione 1×8 W LED bianchi da 60 cm.
  • 110 litri: dimensioni 81x36xh45 centimetri; filtro Bioflow Super 500l/h – 100 W; illuminazione 1×10,5 W LED bianchi da 80 cm.
coperchio Juwel Primo 70
La barra LED del Primo 70

Pregi

  • Illuminazione facilmente potenziabile; si possono aggiungere una o due barre LED senza particolari difficoltà.
  • Essendo il gruppo filtro fissato con ventose, è possibile posizionarlo a piacimento lungo tutto il perimetro dell’acquario.

Difetti

  • La versione 70 ha un riscaldatore poco potente: quando la differenza tra la temperatura ambientale e quella dell’acquario dupera i 10 °C, è difficile raggiungere la temperatura impostata.
  • Il filtro non ha i cannolicchi (anche se il problema si può risolvere facilmente).
pompa Juwel primo 70
Sistema modificato con esternalizzazione del riscaldatore
  • Lo sportello è piccolo; può essere utilizzato solo per l’alimentazione e la fertilizzazione in colonna.

coperchio Juwel primo 70

La versione 110, invece, ha un sistema di apertura molto più efficace.

Juwel primo 110 top
Possiamo anche notare le 3 file disponibili per i LED e una delle varianti di colore (rosso)
  • Tra il livello ottimale e il coperchio c’è poco spazio; mettendo le mani nell’acquario si rischia la tracimazione.

Juwel primo 70 livello

  • L’illuminazione è fissata al coperchio; quando si fa manutenzione si ha la luce negli occhi (o si lavora al buio, spegnendo l’illuminazione).
  • Poiché, come abbiamo detto, il filtro è fissato al vetro tramite ventose, lavorandoci si sposta facilmente.
  • Il getto d’uscita del filtro è fisso (ma si può direzionare con un minimo di fai-da-te).

Commenti

Personalmente lo considero un buon prodotto, adatto per chi ha poco spazio.
Disponendo di spazi più ampi, propenderei per le serie «maggiori»: Rio, Lido, Vision e Trigon.
Se prevedete di infilare frequentemente le mani nell’acquario scartate i litraggi 60 e 70 e orientatevi sul 110; ha un sistema di apertura molto più comodo.

Per qualsiasi suggerimento sull’acquario da acquistare la sezione tecnica del nostro forum Acquariofilia Facile è a vostra disposizione.