Come catturare i pesci? Una domanda da un milione di dollari… Ma ecco che ci viene in soccorso Emix con questo articolo, che ci insegna a costruire una trappola per catturare i pesci in acquario.


Molte volte, sul forum, leggiamo domande del tipo:

Devo trasferire i pesci in un’altra vasca, ma sono troppo veloci e con il retino non riesco a prenderli; come posso fare per catturarli?

Vorrei vendere i miei Ancistrus, ma stanno sempre nascosti tra le radici e non riesco a catturarli se non smontando tutto l’acquario; ci sono altri metodi?

In effetti… catturare i pesci nei nostri acquari, senza distruggere qualche pianta o senza essere costretti a spostare qualche radice o roccia, è veramente difficile; soprattutto con i grandi Ciclidi (Africani e Americani) e i Loricaridi che, quando si sentono minacciati, si vanno a nascondere in qualche anfratto irraggiungibile.

Per risolvere il problema possiamo costruire una trappola per pesci.

Il suo funzionamento è simile a quelle trappole per topi che si usavano in campagna, fatte con una scatola di scarpe e un bastoncino: quando il topolino entrava, si tirava il filo e la scatola si abbassava intrappolandolo.

Trappola per topi

Metteremo nell’acquario la nostra trappola con un po’ di mangime dentro e aspetteremo fino a quando il pesce entrerà per mangiare; a quel punto la chiuderemo e il pesce sarà catturato senza subire nessun trauma.

Certo, ci vuole pazienza: non sempre (quasi mai) il pesce entrerà nella trappola dopo pochi minuti; a volte ci vogliono anche ore. Tuttavia, con questo sistema lo stress causato ai pesci dal movimento del retino si riduce di molto e non dovremo più compromettere il layout o sradicare le piante.

Vediamo quindi come costruire una trappola con pochi soldi e in poco tempo.

La trappola che ho costruito io misura 25x15x15 cm, ma voi potete farla come volete, secondo le vostre esigenze.

Materiali per la costruzione

Ecco l’elenco del materiale occorrente:

  • una lastra di plexiglass 100×50 cm con spessore 0,5 cm;
  • una stecchetta di profilato di plastica a U da 1 cm;
  • 1 m di tubo in PVC di diametro 16 mm;
  • 1 vite ad anello;
  • taglierino;
  • filo da pesca;
  • silicone acetico non antimuffa o colla a caldo con relativa pistola;
  • trapano;
  • carta vetrata di grana media;
  • nastro teflon.

Preparazione delle lastre di plexiglass

Iniziamo tagliando il plexiglass.

Misure materiali costruzione
Misure delle lastre di plexiglass (clicca per ingrandire)

Abbiamo bisogno di un pezzo 15×14, tre pezzi 25×15 (che saranno uno per la base e due per i laterali), uno 23.5×14 per la parte superiore e, per il meccanismo di chiusura, un pezzo 13×20.

Prendiamo il pezzo 23.5×15 e con il trapano (alla velocità minima) pratichiamo un foro al centro, avendo l’accortezza che abbia lo stesso diametro del tubo. Nel caso abbiate una punta più piccola, potrete allargare il buco con della carta vetrata fino a raggiungere la misura voluta; se, invece, il buco è venuto più grande del diametro del tubo, potrete mettere del teflon sul tubo per aumentarne il diametro.

Foro per il tubo in pvc
Foro per il tubo in pvc (clicca per ingrandire)

NB: per poter forare meglio il plexiglass, consiglio di riscaldare la punta del trapano su un fornello da cucina.

Assemblaggio lastre di plexiglass

Ora assembleremo la trappola come se fosse un acquario, siliconando per bene tutte le parti. Iniziamo dai laterali, poi la parte posteriore ed infine la parte superiore (quella con il foro).

NB: nel caso si usi la colla a caldo, si deve avere l’accortezza di attaccare immediatamente le parti perché la sua asciugatura è molto rapida.

Fase 1 costruzione trappola
Montaggio pareti laterali (clicca per ingrandire)
Fase 2 costruzione trappola
Parete posteriore (clicca per ingrandire)
Fase 3 ostruzione trappola
Coperchio con il foro (clicca per ingrandire)

Lasciamo asciugare per almeno 3 o 4 ore; dopodiché rimuoviamo con un taglierino il silicone o la colla in eccesso.

Prendiamo la stecchetta di profilato, tagliamone 2 pezzi da 30 cm e incolliamoli sulle lastre laterali; fungeranno da guida per il meccanismo di chiusura.

Montaggio profilati a U
Montaggio profilati a U (clicca per ingrandire)
Profilo a U
Profilo a U

Fissaggio tubo in PVC per il meccanismo di chiusura

A questo punto prendiamo il tubo in PVC, lo infiliamo per circa 3/5 cm all’interno del buco fatto in precedenza, lo sigilliamo per bene con il silicone (o la colla) sia dall’esterno che dall’interno e, in cima, ci mettiamo la vite ad anello: servirà per il passaggio del filo che farà chiudere la trappola.

Montaggio tubo in pvc
Montaggio tubo in pvc (clicca per ingrandire)

Ora non ci resta che prendere il coperchio, fare un piccolo buco con un cacciavite con la punta riscaldata e legarci il filo da pesca, facendolo anche passare attraverso la vite ad anello.

Trappola completata
Trappola completata (clicca per ingrandire)

Conclusione

Per fare in modo che la trappola si chiuda velocemente consiglio di incollare un peso (un sasso o un pezzo di ferro) nella parte inferiore del meccanismo di chiusura. Eviterà che, se anche la trappola fosse stata assemblata male, possa incastrarsi facendoci perdere l’attimo della cattura (che, dopo una lunga attesa, non è una cosa piacevole).
Inoltre, se montato nella parte interna, fungerà da «fine corsa» evitando che il meccanismo di chiusura esca dalle guide in caso si tirasse troppo il filo.

Ringrazio di cuore l’utente Agos4r per aver contribuito alla progettazione delle immagini in 3D.

Sperando di esservi stato d’aiuto, vi auguro una buona pesca; e, nel caso abbiate qualche dubbio o domanda, vi invito a registrarvi sul nostro forum.