Quella che segue è la traduzione dell’articolo “Small Planted Tanks for Pet Shrimp” pubblicato da Diana Walstad sul suo sito e scaricabile gratuitamente in formato pdf.
Tutte le immagini sono riprese dall’articolo originale.


(aggiornato a ottobre 2017)

Ringraziamo l’autrice per il permesso accordatoci alla traduzione e pubblicazione di quanto segue.

Per qualsiasi dubbio o domanda vi invitiamo a registrarvi gratuitamente sul nostro sito AcquariofiliaFacile.

Vi auguriamo quindi buona lettura!


L’allestimento di un acquario piantumato è pieno di insidie.
Le nuove piante appena comprate devono adattarsi al nuovo substrato, alla fonte luminosa e alle condizioni dell’acqua. Molte dovranno adattarsi alla vita sommersa. Ci sono possibilità che alcune specie non sopravvivano. Le alghe potrebbero diventare un problema. I pesci aggiungono altre complicazioni. Molto spesso i pesci appena comprati si ammalano e per questo gli acquariofili possono aggiungere dannosi prodotti chimici in acqua.

Le piccole bocce per gamberetti sono molto meno inclini a problemi e frustazioni. In questo articolo descriverò due metodi per allestire piccoli acquari piantumati per le Caridina.
The Bowl Setup (l’allestimento della boccia) è veloce e semplice. Il metodo Dry Start – avvio a secco (DSM) è più complicato, ma ha alcuni vantaggi rispetto a quello normale.

È stato solo quando ho iniziato ad allevare i gamberetti che ho capito il vantaggio del passare a bocce e piccole vasche. Vorrei averlo fatto molto prima.
Le Caridina Red cherry (RCS) sono carine, economiche e non hanno bisogno di molte esigenze per mantenerle.

Walstad Caridina Figura 1
Figura 1. RCS (Gamberetto Red Cherry) o Neocaridina heteropoda. Questa femmina dai colori vivaci si sta divertendo con un pezzetto di carne fresca di gambero. Solo le femmine adulte, che arrivano a due centimetri di lunghezza, sono colorate. I maschi adulti (circa 1.2 cm di lunghezza) e tutti i piccoli sono di color crema. Gli RCS sono meno esigenti degli altri gamberi. Gli RCS mangeranno quasi qualsiasi cosa (inclusi i detriti), e non sarà necessario nutrirli ogni giorno. In generale, nutro i miei una volta al giorno con del mangime schiacciato per pesci.

Sono perfette per piccole vasche e bocce con le piante – niente riscaldatore, niente filtro, nessun mangime speciale e nessuna malattia dei pesci. I cambi d’acqua sono comodi perché si lavora soltanto con qualche litro d’acqua.

I piccoli caridinai sono un ottimo modo di avvicinarsi agli acquari con piante. I principianti imparano ad avere a che fare con il terriccio. Scoprono quali specie di piante si adattano meglio alle condizioni del loro acquario prima di allestirne uno più grande.

Imparano che coltivare piante acquatiche è vantaggioso. Le piante purificano l’acqua e il substrato, riducendo quindi la manutenzione dell’acquario (cambi d’acqua, sifonature, etc.).


Nota. Il mio libro «Ecology of the Planted Aquarium» spiega come le piante rendano la gestione dell’acquario più semplice. Per esempio, il capitolo II («Le piante come depuratori dell’acqua») tratta del consumo di metalli pesanti, ammonio e nitriti da parte delle piante. Il capitolo IV («I batteri») tratta della trasformazione delle tossine da parte dei batteri nel terriccio. Il capitolo VII («Il nutrimento delle piante e l’ecologia») documenta il considerevole consumo di ammonio tossico da parte delle piante.