Home Fai da te Piccolo Filtro Interno fai-da-te

Piccolo Filtro Interno fai-da-te

Piccolo Filtro Interno fai-da-te

Il vecchio filtro del mio acquario, dopo anni di onorata carriera stava ormai dando segni di cedimento.
Sfruttando del materiale di recupero, ho realizzato un filtro interno di piccole dimensioni, che vi propongo in questo articolo.


E’ in grado di far funzionare un piccolo acquario per parecchio tempo, in attesa di un filtro nuovo.
In seguito alla sua realizzazione, quello che vi mostro ha lavorato egregiamente per oltre quattro mesi, con cannolicchi già maturi recuperati dal vecchio filtro.

La struttura è stata realizzata con due barattoli di plastica trasparente, comunemente usati per contenere spezie ed aromi da cucina; la pompa è stata recuperata da un piccolo filtro, la cui parte inferiore era ormai irrimediabilmente danneggiata.

I barattoli di spezie si sono rivelati particolarmente indicati, a causa della loro forma che li rende particolarmente compatti e rigidi.
Inoltre, dopo averne tagliato uno, s’incastrano alla perfezione tra di loro:

Per fissare la pompa del filtro, va realizzato un disco rigido di plastica trasparente…

…che verrà incastrato nel tappo, dopo averlo privato della sua parte superiore.

Fissato il disco di plastica nel coperchio, ed effettuato un foro per il passaggio dell’acqua, la parte superiore della pompa va fissata con una buona colla sul suo nuovo supporto:

In commercio, si trovano degli ottimi collanti per PVC, PET ed altre plastiche.

Terminato l’incollaggio della pompa, si procede con la foratura dei barattoli che alloggeranno i filtri:

Alla fine, ci troveremo con un filtro scomponibile in tre parti:

  • tappo con pompa
  • barattolo superiore
  • barattolo inferiore

Tale struttura è pronta per accogliere i materiali filtranti, che permetteranno un trattamento meccanico e biologico dell’acqua.

Inserite le spugne e i cannolicchi, il filtro è quasi pronto per entrare in funzione:

Un grosso elastico, ricavato da una camera d’aria, blocca l’incastro tra i due barattoli.

Per la pulizia delle spugne, basterà sollevare leggermente l’elastico; la parte inferiore si sfilerà con estrema facilità.
In caso d’intervento sulla pompa, o sui cannolicchi, basterà svitare il tappo del barattolo in alto.

Applicate anche le ventose, spesso reperibili nei negozi di acquaristica, il nostro piccolo filtro è pronto a funzionare.

Non saprei garantire la sua durata, o se la plastica non subirà rotture durante gli interventi di manutenzione, ma nel mio caso ha brillantemente superato la prova dei quattro mesi.
In seguito, l’acquisto di un nuovo filtro l’ha messo a riposo.

Per qualsiasi dubbio la sezione Bricolage del nostro forum Acquariofilia Facile vi aspetta.

Exit mobile version